Perdere una buona occasione per (continuare a) stare zitti

Vi riportiamo qui sotto un comunicato del PD sull’occupazione del TeLOS, trovata in internet e sul loro sito.

Pare che questi sinistri personaggi abbiano individuato quattro sconfitte, a seguito della “vicenda TeLOS”, la prima delle quali sarebbe proprio la nostra, degli occupanti, del Collettivo la Fenice (forse non sapendo che l’occupazione non esiste se non c’è chi la vive e la fa vivere. L’occupazione non è solo di chi occupa, ma di tutte quelle persone che hanno attraversato lo spazio in quei 4 lunghi mesi).

Ora, al di là del fatto che di sconfitte se proprio vogliamo ne mancano parecchie, prima fra tutte quella del PD (ma dove cazzo siete stai in tutti questi mesi? Vi siete nascosti sotto al letto? Forse continuare a nascondersi non sarebbe stata una cattiva idea), mi pare che l’articolo della presunta opposizione di centro-presunta-sinistra sia ai limiti del ridicolo.

Cari i miei piddini, a noi non interessa il vostro ritorno elettorale, quindi sappiate che non vi permettiamo di fare quello squallido cerchiobottismo che sembrate avere voglia di mettere in pratica. Non sulla nostra pelle e sulle nostre lotte. I nostri ideali possono essere a vostro avviso infangati dall’illegalità della nostra azione (al di là della squallida retorica degna di un leghista di serie B – uno di Saronno ad esempio andrebbe più che bene), ma c’è da dire che almeno noi li abbiamo degli ideali. I vostri invece a noi paiono alquanto oscuri. Le scalate al potere e al danaro non credo possano essere definiti tali, anche se perseguiti nella legalità. Che poi, A) non sembra che nemmeno per il PD la legalità sia un gran valore: invece di insegnare a noi come fare politica guardate un poco cosa avviene nel vostro partito; B) la legalità è oramai l’unico argomento che i politicanti da strapazzo sanno presentare. Ma quando parlerete di COSA è la legalità, e di cosa è QUESTA legalità.

Perchè non parlate voi delle ingiustizie, quelle vere, che avvengono ogni giorno a Saronno, invece di suggerirlo agli altri e poi ritrovarvi a parlare anche voi di noi, condannando tra l’altro con posizioni affatto diverse da quelle del centro destra le nostre azioni? Ad esempio potreste parlare del caporalato, fenomeno sembra molto presente nella nostra città… Altre idee ne avete? Volete dei suggerimenti?

Oppure: perchè non parlate di chi ha pagato qualcuno per infilarsi un passamontagna e venire a devastare il TeLOS, e non denunciate QUESTA azione, intimidatoria, mafiosa, e con l’unico scopo di distruggere ciò che ogni giorno noi abbiamo creato? Perchè non dite chi stava in quel momento fuori dal TeLOS a coprire questi infami?

Nessuna parola comunque sia per quello che in tutti questi mesi abbiamo fatto e continueremo a fare. Forse una ottima dimostrazione del fatto che stiamo facendo qualcosa di BUONO.

P.S: Noi non ci riteniamo sconfitti, tutt’altro. La nostra è stata una grande vittoria, lo spazio TeLOS è stata una esaltante esperienza, e in nessun momento abbiamo fatto nulla di cui poterci pentire. La pratica dell’autogestione è la vera alternativa a questi squallidi teatrini pre-elettorali, al potere mafioso, al sopruso dei potenti di turno, e alla decadenza consumistica e autodistruttiva della nostra società.

L’occupazione dello stabile di via Concordia da parte del collettivo La Fenice è terminata.

L’epilogo è giunto il 15 gennaio ad opera delle forze dell’ordine, intervenute di buon mattino, quando l’edificio era vuoto. Il complesso è stato chiuso e reso inagibile. Sono state cancellate anche le minime tracce della presenza degli occupanti: tutti i muri sono stati ridipinti con una bella mano di bianco, quasi a scongiurare perfino la memoria di quanto accaduto per mesi in quel luogo. Giustizia è fatta, la legalità ripristinata, l’immobile rimesso nella disponibilità dei proprietari.

Ma tutto è davvero finito e possiamo voltare pagina? Quali analisi e riflessioni si possono fare a margine di questa vicenda, iniziata male e finita peggio? Quale impegno possiamo trarre da una serie infinita di errori?

Prima sconfitta. È la sconfitta dei giovani di Telos, incapaci di perseguire ideali alti e lottare per ottenerli nel rispetto della legge. Quando si pratica l’illegalità per soddisfare il proprio desiderio di aggregazione si sconfessa lo stato di diritto e si screditano anche le richieste più giuste. «La proprietà privata è garantita e riconosciuta dalla legge»: così recita la Costituzione. Deroghe o zone franche alle norme fondamentali dello Stato sono molto pericolose per tutti. E decisamente inammissibili.

Seconda sconfitta. È la sconfitta dell’amministrazione di centro destra. Il desiderio di aggregazione dei giovani di Saronno è reale. Bisogna salvaguardarlo e favorirlo. Invece il municipio non ha nemmeno tentato di ascoltare i ragazzi, le loro richieste, e di costruire attraverso il dialogo un percorso dalle finalità condivise, responsabilizzandoli nella loro ricerca di aggregazione, produzione di eventi culturali e di autonomia. Ci si dimentica che i giovani sono una delle componenti della nostra città e li si trascura, con il risultato di emarginarli. Oggi il centro destra propone ai giovani di Saronno tardivi percorsi di partecipazione. Chiediamo che nessuno venga estromesso dal dialogo, neanche chi non ha un’associazione riconosciuta alle spalle. Perché l’amministrazione comunale deve farsi carico delle istanze di tutti, anche di quelle in cui non si ritrova.

Terza sconfitta. È la sconfitta della politica. La lista civica “Saronno Si-Cura” ha condotto una scriteriata campagna di strumentalizzazione, facendo del problema Telos l’emergenza numero uno della nostra città. Ma Saronno ha ben altre emergenze, sotto gli occhi di tutti. La Lega si riempie la bocca di legalità e poi è pronta a imbracciare i fucili pur di difendere le proprie idee. Così facendo, propone una visione della società a due vie: i forti da una parte e i deboli dall’altra. Quale democrazia queste forze politiche ci propongono? È così che pensano di insegnarla alle giovani generazioni? Chi è adulto dovrebbe sempre porsi nei confronti dei ragazzi con un atteggiamento di dialogo, di tensione educativa. Noi pensiamo che non valga la pena sprecare un’occasione di confronto sui concreti problemi della città per un pugno di voti.

Quarta sconfitta. È la sconfitta della società civile. Le istituzioni non vogliono risolvere i problemi con il dialogo e non offrono risposte adeguate ai bisogni dei cittadini. Si lascia anzi campo libero a interventi di giustizia privata sommaria. Anche questo è sconfessare lo stato di diritto, senza sporcarsi le mani. E così perdiamo tutti: a uscire sconfitta dalla vicenda Telos è infatti, in definitiva, l’intera Saronno.

L’impegno del PD per la futura amministrazione di Saronno è avere una sensibilità nuova. L’esigenza di spazi per i giovani, portata avanti in maniera sbagliata dal collettivo La Fenice, non è sparita il 15 gennaio. Esiste ancora e non permettiamo a nessuno di confonderla con l’illegalità e la violenza.

Compito del PD è cambiare questa città e dare soddisfazione ai bisogni dei suoi abitanti. Soprattutto, ai bisogni che per troppi anni sono rimasti inascoltati.

IL COORDINAMENTO PD SARONNO

12 commenti to “Perdere una buona occasione per (continuare a) stare zitti”

  1. R’n’R!!!!!!!

  2. la quinta sconfitta è quella di aver perso del tempo leggendo ste cazzate…

    sempre solidale con le vostre lotte
    un compagno di Lecco

  3. votare PD ? TELOSogni! Rinunciare a combattere il razzismo leghista? TELOSogni! Dare solidarietà ad un carabiniere quando ogni giorno assistiamo a stragi sul lavoro?? TELOSogni! TeLOS R-ESISTE!

  4. Ragazzi il Pd ha perso una buona occasione per tacere, è vero; d’altronde i piddini sembrano pensare più al proprio portafoglio che all’interesse comune, e pure questo è vero.
    Però voi ce l’avete con l’universo… No Pd, no Lega, no Berlusca… ma uno che vi vada bene no? Senza offesa.

  5. Nessuno ci va bene perchè non vogliamo delegare la nostra esistenza a nessuno, vogliamo essere padroni della nostra vita. nessuno può rappresentarci proprio per questo. (A)

  6. D’accordo, ma se dobbiamo vivere insieme un minimo ci si deve venire incontro; bisognerebbe lasciare la massima libertà ai singoli e, dove proprio è necessaria una scelta comune, accordarsi e poi rispettare tutti gli accordi presi (che, se necessario, si posssono sempre rivedere e correggere).
    Per far questo, più delle azioni dimostrative ci vuole della BUONA politica… che spesso, molto spesso in Italia (e non solo lì) manca: e allora che ci si dia da fare per realizzarla, questa buona politica; imprecare contro il mondo non serve a renderlo migliore, nè basta occupare 4 locali per risolvere i problemi. Opinione personale.

  7. sono puttosto d’accordo con l’opinione di principio di realtà

  8. Noi non ci siamo mai limitati a delle azioni dimostrative, non capisco a cosa tu ti riferisca. Inoltre non abbiamo mai affermato che basta occupare 4 locali per risolvere i problemi.
    Cosa intendi per buona politica? Noi siamo anarchici, perlopiù, facciamo politica, e cerchiamo di farla nel miglior modo possibile. La politica non è quella cosa che si fa in parlamento o in un consiglio comunale, o al limite andando a votare alle elezioni. Questa è l’idea che noi combattiamo: che per fare politica c’è bisogno di prendere la tessera di un partito; idea che purtroppo al giorno d’oggi va per la maggiore, anche tra i ragazzi. Vuoi della buona politica? Scendi in piazza e falla. Organizzati, produci cultura, lotta per quello che ritieni giusto, ecc.
    Noi non ci siamo mai limitati ad imprecare contro il mondo, sport molto diffuso in Italia e non solo, ma ci rimbocchiamo le maniche, come si dice; tu che fai invece? Se hai delle buone proposte falle: a me pare che sia tu qui a limitarti a criticare senza proporre nulla in concreto.
    Vivere in una società è fare politica. Cambiare il proprio stile di vita, e cercare di cambiare quello delle persone che ci stanno accanto è fare politica.
    Saluti libertari.

  9. Ok, hai ragione sul fatto che non avete mai sostenuto che occupare 4 locali sia sufficiente.
    Però, senza offesa, spiegami quali azioni non dimostrative bensì veramente utili alla gente sul lungo periodo abbiate intrapreso; con “buona politica” intendo semplicemente l’operare per il bene di tutti RENDENDOSI CONTO che, nel mondo reale, per migliorare le cose è necessario scendere a compromessi con gli interessi e i desideri degli altri, anche quando non se ne avrebbe voglia, anche con le persone che non ci piacciono.

    Cosa faccio io? Cerco (e in molti fanno altrettanto) di adottare uno stile di vita compatibile coi miei ideali per quanto è possibile farlo nella realtà in cui viviamo, sto in un partito e mi sbatto per portare avanti le mie idee… accettando vie di mezzo e compromessi quando serve; questo disgusterà i puristi del voglio-tutto-e-subito o i rivoluzionari rambo style, però intanto qualche piccolo successo lo si ottiene.
    Fare cultura, andare in piazza… tutto positivo, ma se non si accetta il dialogo, magari anche burrascoso, con altre forze politiche, con le istutuzioni ecc. alla fine cosa si ottiene?
    E’ vero che critico, ma si tratta critiche propositive: e poi tra i princìpi base dell’anarchia è sempre stata annoverata la libertà di espressione, no?
    Per cui qualche critica a fin di bene non vedo perchè dovrebbe dare fastidio…
    Saluti altrettanto libertari!

  10. Caro x, prima di tutto grazie per averci scritto. Abbiamo evidentemente visioni differenti, ma la comunicazione e il dialogo sono sempre benvenuti finchè permane il rispetto reciproco.
    Permettimi di chiarire alcuni passaggi che il tuo commento ha affrontato:
    DOVE ERAVAMO IN QS. MESI: Noi in Via Garibaldi, penso che l’indirizzo vi sia noto. Non è vero? Voi in Via Concordia, e infatti siamo venuti a parlare con voi… per invitarvi a sospendere l’occupazione e a continuare la vostra battaglia con altri mezzi legali, con la partecipazione, con il confronto. Forse non c’eri tu… Ad ogni modo dai contatti intercorsi ci è sembrato di capire che non eravate interessati a dialogare con partiti politici, perché voi quando volete uno spazio ve lo prendete… non avete bisogno della politica.
    CERCHIOBOTTISMO: quello che tu chiami cerchiobottismo è in realtà una legittima (siamo in democrazia giusto?) divergenza d’idee. Concordiamo sulla necessità di spazi sociali e di ritrovo per i giovani, dissentiamo sulla scelta dell’occupazione di spazi privati. Tanti altri ragazzi a Saronno vorrebbero uno spazio di ritrovo, e non da oggi. Ma non per questo se lo prendono, come avete fatto voi sbagliando e dando adito alla peggiore destra forcaiola di speculare, lei sì, in modo indegno. Se vorrete lottare per avere spazi sociali a disposizione di tutti potrete farlo insieme agli altri ragazzi di Saronno, in tutte le sedi che saranno presto aperte a tale discussione, inclusa la nostra. Se invece vorrete continuare a lottare per il VOSTRO spazio sociale, senza disponibilità all’ascolto e al dialogo, senza la volontà di aprirvi e confrontarvi, allora temo che di sconfitte ne vedremo ancora.
    IDEALI E LEGALITA’: Ti faccio notare Emilio che il PD di Saronno ha parlato nel suo articolo di TeLOS (e quindi del Collettivo La Fenice) cioè di voi, tu parli del PD in generale… di scalate al potere e di danaro, di cose che probabilmente hai letto sui giornali accadute a 1.000 km da qui e che sono oltretutto ancora da provare. Ti assicuro che le persone che fanno parte del PD di Saronno non sanno cosa siano né il potere né il danaro, che l’unico potere che abbiamo è quello di decidere che sera riunirci e in quanto a danaro ci finanziamo di tasca nostra e facciamo fatica a stampare 30 manifesti. Quindi basta luoghi comuni sulla politica arraffona e corrotta, quelli potrebbero andar bene in altri contesti e altre realtà.
    AZIONI INTIMIDATORIE: Non posso parlare di chi ha pagato qualcuno per infilarsi un passamontagna e venire a devastare il TeLOS, per il semplice fatto che non so chi sia…
    Posso al limite immaginarlo, e l’ho già fatto… ma non posso certo parlarne senza sapere nulla di concreto. Perché non ne parli tu se sai chi è…? E perché non dici chi stava in quel momento fuori dal TeLOS a coprire gli infami? Io non posso parlarne, perché non c’ero! Se c’eri puoi farlo tu… altrimenti le tue sono allusioni inutili. Conosco tali voci, ma per me restano voci perché io non c’ero.
    CIO’ CHE AVETE FATTO DI BUONO: sono d’accordo con te che TeLOS sia stata una salutare scossa alla palude culturale che da anni è diventata Saronno, e capisco che l’esperienza possa essere stata dal vostro punto di vista esaltante. Credo anche che abbiate fatto diverse cose buone, e che anche se per pochi mesi siate stati una scintilla positiva, un innesco in grado di risvegliare dal torpore una città anestetizzata, o meglio rassegnata.
    Resta però il fatto che, come volevasi dimostrare, questa parentesi di rinascita non poteva durare in condizioni di illegalità. Ora che l’esperienza si è chiusa dimostratevi ragionevoli, dimostrate a tutta Saronno che la vostra richiesta è di legittimi spazi di autogestione (che non vuol dire assenza di regole e controlli bensì produzione propria di contenuti e gestione quotidiana di spazi a ciò adibiti) in condizioni di legalità e anzi di tutela e promozione da parte di tutta la comunità. Lo spazio per dialogare ci sarà presto, noi stessi ci impegneremo a garantirli e a fare in modo che tutti abbiano uguale diritto di sedersi al tavolo, non sottraetevi al confronto un’altra volta. Non ripetete il solito errore di svalutare e svilire delle giuste campagne con errori di metodo e atti che vi pongono al di fuori della pubblica comprensione e permettono alla destra più becera di strumentalizzarvi in termini negativi.
    Christian Cortesi – PD Saronno

  11. PD???? PORCO DIO!! L’UNICO PD CHE MI PIACE È IL PORCO DI DIO. CAZZO, A FARE DISCORSI SONO BRAVISSIMI.. IL DIALOGO, LA LEGALITÀ.. MA DIO CANE, LO SAPPIAMO BENISSIMO CHE IL DIALOGO NON ESISTE, L’UNICA COSA CHE PAGA È LA LOTTA! TUTTO CIÒ CHE È STATO CONQUISTATO FIN ORA, È GRAZIE ALLA LOTTA E NON DI CERTO GRAZIE AL DIALOGO E ALLA LEGALITÀ O CON LE PREGHIERE..
    UN SALUTO A TUTTI I COMPAGNI, MENTRE IL PD NON È DEGNO MANCO DEL SALUTO.
    TONINO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: