25 Aprile a Saronno

Di seguito il volantino distribuito il 25 Aprile a Saronno. Qui il pdf

OGGI COME ALLORA: SONO FASCISTI

25 Aprile 1945, la sconfitta definitiva del nazifascismo in Italia. 25 Aprile 2009, l’Italia è un paese democratico, una delle democrazie più avanzate del mondo, uno degli stati più liberi del pianeta, tanto che i nostri militari sono impiegati per insegnare, a suon di bombe, alle nazioni più arretrate come deve vivere un popolo civile…
17 Aprile 2009. Quattro carabinieri perquisiscono le abitazioni di due ragazzi del saronnese. Cercano delle armi. Nessun mandato, nessuna buona ragione per credere che a casa di questi ragazzi vi siano “pistole, proiettili, bombe, missili…”. Ma i carabinieri non hanno bisogno di buoni motivi. Quello che vogliono, intimidire, spaventare, perseguitare, reprimere, lo ottengono. Per entrare a perquisire la casa di qualcuno non servono buone ragioni nel 2009 in Italia.
QUESTO E’ UNO STATO DI POLIZIA!
Uno stato di polizia, si chiama fascismo.

Oggi tutti noi siamo qui a commemorare, a ricordare; affinché non avvenga più che…
Sta già avvenendo, qui e ora, sotto i nostri occhi. E nessuno sta facendo nulla.
Quando si permette che la polizia usi indiscriminatamente la propria forza, per reprimere chiunque si opponga allo status quo (un tempo si chiamavano – dissidenti politici) allora si giustifica il fascismo.
Quando si permette che lo Stato interni in strutture create ad hoc migliaia di persone solo perché di un’altra nazionalità, allora si giustifica il fascismo.
Quando si permette che lo Stato fomenti sentimenti razzisti e xenofi per spaventare, controllare e reprimere, allora si giustifica il fascismo.
Quando lo Stato permette di organizzare ronde di “onesti cittadini” alla ricerca dei criminali, allora il fascismo è giustificato.
Questa società in cui ora viviamo non è profondamente diversa da quella in cui vivevano i nostri nonni. E’ cambiato il colore e la forma del potere, ma la sostanza rimane sempre la stessa. L’informazione è controllata e manipolata, per la costruzione di un pensiero unico utile al controllo e alla repressione che ogni giorno vengono messe in atto in questo paese. Le nostre libertà ogni giorno sono sempre più schiacciate sotto il tallone di ferro di una classe dirigente, politica ed economica, sempre più sfacciatamente avida e fasulla. Sdoganare le ideologie del ventennio oramai è diventato uno sport nazionale, sport che non incontra più quasi nessuna forma di opposizione, da parte di una popolazione oramai apertamente razzista, interessata oramai solo alla difesa dei propri privilegi economici, minacciati dalla presenza di un sempre maggior numero di poveri, non solo immigrati.
Il fascismo è qui, e lo viviamo ogni giorno. Il fascismo è quando permettiamo ai carabinieri di entrare nelle case di alcuni ragazzi, solo perché oppositori politici di questo stato di cose. Il fascismo è qui, e va combattuto ogni giorno. Non si trova raccontato sui libri di scuola, non è scomparso il 25 Aprile 1945. Fascista è questo Stato e questo potere, fascista è chi giustifica questo stato di cose, chi rimane a guardare senza fare nulla.

Ci fanno credere che visto che una volta ogni cinque anni andiamo a votare, allora questa si debba chiamare democrazia. Anche Mussolini permetteva ai suoi sudditi di votare. Oggi il fascismo ha vinto, perché ognuno di noi crede che siano più importanti un muro pulito, una macchina nuova, il nuovo modello di cellulare e i vestiti firmati, che la vita di un individuo, che le nostre libertà, di pensiero, di parola, di espressione, di movimento. Ha vinto, perché l’opposizione a questo stato di cose è bollata come irrazionale, assurda, idiota. Ha vinto, perché ogni opposizione è stata repressa e poi cancellata; perché ogni giorno ci abituiamo a qualcosa d’altro; e domani, quando verranno a perquisire casa tua, ad arrestare i tuoi figli, quando tutto sarà controllato ed inquadrato, allora non avrai nemmeno più la capacità di pensare ad un mondo diverso.

QUESTO È UNO STATO TOTALITARIO. FERMIAMO TUTTO QUESTO, ADESSO.
NESSUNA COMMEMORAZIONE, COMBATTIAMO IL FASCISMO OGGI COME IERI.

2 commenti to “25 Aprile a Saronno”

  1. Cito: “Il fascismo è quando permettiamo ai carabinieri di entrare nelle case di alcuni ragazzi”

    Voi lo avete permesso.. quindi voi siete il fascismo?
    E mi chiedo inoltre se hanno fatto cose così aberranti perché non li avete denunciati?

    Cito: “Quando si permette che la polizia usi indiscriminatamente la propria forza”

    In che caso è accaduto ?

    Cito: “ognuno di noi crede che siano più importanti un muro pulito, una macchina nuova, il nuovo modello di cellulare e i vestiti firmati, che la vita di un individuo, che le nostre libertà, di pensiero, di parola, di espressione, di movimento”

    Questo è il vostro Credo? Se interpellato saprö come definirvi.

  2. Uhm, qui i cervelli pare siano in via di estinzione…

    Cito: “Il fascismo è quando permettiamo ai carabinieri di entrare nelle case di alcuni ragazzi”
    Voi lo avete permesso.. quindi voi siete il fascismo?
    E mi chiedo inoltre se hanno fatto cose così aberranti perché non li avete denunciati?
    —> quando in una società si permette che. Aberrante non vuole dire illegale.

    Cito: “Quando si permette che la polizia usi indiscriminatamente la propria forza”

    In che caso è accaduto ?

    —> hai letto il comunicato?

    Cito: “ognuno di noi crede che siano più importanti un muro pulito, una macchina nuova, il nuovo modello di cellulare e i vestiti firmati, che la vita di un individuo, che le nostre libertà, di pensiero, di parola, di espressione, di movimento”

    Questo è il vostro Credo? Se interpellato saprö come definirvi.

    —> anarchici, grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: