Solidali e complici

Ci vogliono pedine mute di un gioco in cui recitiamo la parte di sole comparse, diventiamo invece ostacoli insormontabili!

Negli ultimi mesi stiamo assistendo ad un periodo di grande fermento per quanto riguarda la situazione degli spazi sociali, sia in positivo con nuove occupazioni, sia in negativo con nuovo sgomberi o tentativi di sgomberi in molte zone d’Italia.

E’ da tempo che ogni spazio libero e liberato dalle logiche del mercato e dello Stato, su cui risulti impossibile effettuare un controllo diretto ed efficace, viene attaccato da ogni parte dai servi del potere.

La creazione di un pensiero unico, sottomesso alla volontà statale, che permei e comprenda tutta la società, è possibile solo se si riescono a cancellare tutte le possibili forme di resistenza, attiva o passiva che siano, solo se si riesce a fare terra bruciata intorno alle possibilità volutamente limitate e limitanti del mondo creato da chi ci controlla, giudica e guida. E’ chiara l’importanza, dunque, che ogni spazio fisico riveste. Esso, infatti, è un luogo in cui può si può far maturare una coscienza capace di criticare ed attaccare in qualche modo il modello di vita e di società imposto a suon di telecamere, carcere, polizia, esercito, televisione e consumismo. E’ un luogo in cui si può generare ed allargare il dissenso, far crescere e diffondere la rabbia. E’ un luogo che ha una funzione di roccaforte, ma anche anticipatrice di ciò in cui crediamo.

La situazione creata in questi ultimi anni è sempre più sfavorevole a chi resiste all’assuefazione e alla fagocitazione. D’altra parte, come non notare la crisi, figlia di decenni di speculazioni e sfruttamento, che va acuendosi nel corso del tempo, e che forse causerà una precipitazione della situazione nel prossimo futuro. Un sistema che si sta indebolendo, per mostrare che è ancora in grado di comandare e di incutere timore, deve attaccare con più forza i germi della dissidenza, prima che germoglino e possano fungere da catalizzatori della rabbia ed innescare un’esplosione interna, che rivelerebbe l’inutilità e l’orrore del mondo in cui viviamo.

E’ per questo motivo che bisogna difendere ad ogni costo questi spazi; è per questo che bisogna opporre una barricata di fronte ad ogni tentativo di sgombero e ad ogni attacco che viene effettuato nei loro confronti.

Non importa quali siano le convinzioni che animano la creazione di uno spazio libero, ma importa soprattutto che queste convinzioni non si facciano fagocitare dal mostro totalitario che ci opprime, diventando futili locali alternativi, o vuoti spazi dis-aggregativi.

La nostra solidarietà va quindi a tutte quelle realtà capaci di continuare a resistere, speranzosi che queste situazioni riescano ad infliggere seri danni a questo mondo marcio, che speriamo essere sulla via del tramonto. Ci adopereremo perché questa sua caduta sia ancora più rapida.

Solidarietà al Ex-Cimitero di Novara sotto sgombero

Solidarietà a Villa Panico e alla Riottosa di Firenze, vittime di un duro attacco e tentativo di sgombero

Solidarietà al Boccaccio sgomberato

Solidarietà alla Fornace rioccupata

Solidarietà a tutte le realtà che in questi mesi hanno subito la repressione e le intimidazioni di digos e sbirri vari, a Bologna, a Torino, a Firenze, a Milano ed in ogni altra parte d’Italia.

Nessun lamento ci salverà, contiamo solo sulle nostre forze e sulla nostra rabbia.

Nessuna pace con lo Stato, il capitale e i suoi servi.

TeLOS

2 commenti to “Solidali e complici”

  1. ” … Un sistema che si sta indebolendo, per mostrare che è ancora in grado di comandare e di incutere timore, deve attaccare con più forza i germi della dissidenza, prima che germoglino e possano fungere da catalizzatori della rabbia ed innescare un’esplosione interna, che rivelerebbe l’inutilità e l’orrore del mondo in cui viviamo.”
    ESATTO !!!! Sacrosanta verità .

  2. Genova – Nuovo spazio liberato

    volantino distribuito dai compagni di Genova

    SALTARE IL RECINTO

    Agosto 2009.

    Abbiamo preso possesso – occupandola – della casa situata in Salita Aldo Li Gobbi 11. Una delle tante case lasciate all’incuria in nome delle speculazione: ce ne siamo appropriati e non intendiamo restituirla.
    In sostanza, abbiamo deciso di saltare il recinto del diritto, un recinto di filo spinato atto a mantenere al proprio esterno fasce sempre più ampie di popolazione condannate allo stento, alla costante umiliazione, a crepare.
    Tranquillizziamo i politici di sinistra: non siamo qui per rivendicare diritti.
    Non abbiamo intenzione di elemosinare nulla a questo sistema infame ed ai suoi rappresentanti, non chiediamo alcun diritto a coloro che col Diritto esercitano la tirannia, non intendiamo trattare con un potere che, ormai dovrebbe essere per tutti evidente, si regge sull’esclusione, sul ricatto e sulla violenza. Quello di cui abbiamo bisogno o pensiamo possa essere d’aiuto alla nostra causa ce lo prendiamo.
    Dal momento che volenti o nolenti di questa occupazione se ne parlerà, tanto vale che incominciamo noi col presentarci. Che almeno le idee, le posizioni gli accordi ed i disaccordi per quello che riguardano le nostre scelte si formino ed avvengano su basi chiare.
    Abbiamo occupato perché ci serve un posto dove vivere.
    La politica e l’economia hanno distrutto ogni residuo di vita comune, e con essa hanno fatto scordare i principi di solidarietà e mutuo appoggio.
    Gli uomini e le donne sono stati ammassati l’uno vicino all’altro in quartieri dormitorio dove regnano sovrani l’alienazione e l’isolamento: si vive fianco a fianco senza conoscersi, senza parlarsi, senza capirsi. Dopo aver perso la conoscenza dei luoghi e delle persone intorno a noi, ora, lo spauracchio che il potere ama chiamare crisi e il generale impoverimento delle classi subalterne ci portano a rinunciare anche al senso ed al concetto di dimora.
    Non solo ammassati ed isolati nei quartieri ma anche nell’intimità della casa. Di fatto, i prezzi imposti dalla speculazione, costringono sempre più persone a condividere per forza spazi sempre più ristretti, appartamenti sempre più piccoli, in nome della necessità di suddividere i costi d’affitto e di gestione divenuti sempre più insostenibili.
    Non si sta parlando di scelta o di risparmio ma del tentativo di cancellare lo spazio vitale, di negare ogni ritaglio di solitudine (non quella dell’alienazione ma quella del pensiero e della riflessione), dell’impossibilità, per molti, di scegliere con chi condividere l’intimità. In sintesi si tratta di strappare un altro pezzo dagli spiriti già martoriati degli uomini, un altro passo verso la dis-umanizzazione degli individui.
    Non staremo qui ad agitare lo spettro della miseria o a far leva sugli ipocriti “buoni sentimenti” verso chi non ha un tetto. Preferiamo dire che è l’ora di organizzarsi, di riscoprire la solidarietà, di agire. Che è l’ora di ricominciare a strappare dalle mani dei politici e degli sfruttatori ciò di cui abbiamo bisogno: che sia il cibo, la casa, i vestiti, il denaro. Insomma ciò che ci serve.
    Non abbiamo preso la casa di un povero, abbiamo preso una casa di proprietà municipale, nello specifico dell’ASP Istituto Emanuele Brignole, che fino all’anno scorso risultava possederne 205, di immobili, molti dei quali inutilizzati e abbandonati da tempo, come questo. Ce la siamo “restituita”.
    Non possiamo che sperare che la pratica della riappropriazione delle case ed il mutuo appoggio fra sfruttati si estendano e riprendano ad essere minaccia per il regime e punto di partenza per il rovesciamento della società.
    Abbiamo occupato perché ci serve un posto dove discutere, incontrare ed incontrarci, lottare.
    Vogliamo che un pezzo della nostra casa sia un luogo aperto. Uno spazio in cui lo scontro e l’incontro possano essere contributo per affinare la critica pratica e teorica contro il regime e contro ogni autorità ed oppressione.
    Ci auguriamo che questo pezzo di dimora venga vissuta come dimora di tutti gli amanti della libertà e come laboratorio di lotta in cui cominciare a sovvertire i rapporti che ci vengono imposti.
    Per amore di chiarezza sottolineiamo che lo spazio che abbiamo scelto di riprenderci non è un centro sociale, né un pub, né una sala concerti, né tanto meno un albergo. È casa nostra con in più – separatamente – uno spazio adibito al confronto ed alla discussione aperto e che vorremmo condiviso. Al suo interno non si effettuano commerci di alcun tipo (al di fuori della distribuzione di materiale informativo e culturale), non vi è alcuna somministrazione
    di bevande e – lo vogliamo sottolineare – non vi entrano né gratuitamente né a pagamento droghe di alcun tipo: rifiutiamo e ricacciamo al potere i suoi strumenti di controllo, distruzione e coercizione.
    Vorremmo che ogni iniziativa promossa o proposta fosse discussa orizzontalmente, fra pari, senza nessun tipo di mediazione. Invitiamo i nemici dell’autorità e gli arrabbiati genovesi a quello che speriamo un proficuo confronto ed una reciproca crescita.
    Con la stessa determinazione invitiamo i giornalisti, i politicanti d’ogni colore, le autorità, a tenersi alla larga: come abbiamo detto non c’è nessun confronto possibile con i sostenitori di questo regime. L’unico dialogo concepibile è quello fra oppressi, fra pari, senza mediazioni. Per quello che riguarda il potere, i suoi politici ed i suoi speculatori,
    non si può far altro che rispondere alla guerra che costoro hanno dichiarato alle classi povere con il coraggio e la determinazione, con la solidarietà fra oppressi e l’azione.
    Senza fare, né pretendere, alcuna concessione.
    Al “vicinato” Perdonerete certo se siamo stati un po’ bruschi in questa parziale presentazione d’intenti ma, lo ribadiamo, preferiamo la chiarezza alla confusione (già tanto alimentata dai media) e all’ipocrisia.
    Nessuno qui ha la pretesa che le nostre pratiche vengano a priori condivise: quello che vorremmo è comunque una conoscenza ed un incontro che avvengano direttamente, senza intermediari e senza pregiudizi.
    Non abbiamo intenzione di turbare la sopravvivenza di nessuno dunque che non si tema per dicerie e sciocchezze: non vorremmo affrontare incomprensioni su presupposti fasulli e che non hanno ragion di esistere.
    Siamo disposti a batterci per ciò che sono i nostri intenti ed i nostri princìpi così come siamo disposti ad incontrarci e discutere serenamente su quelli che possono essere gli eventuali problemi legati alla quotidianità, alle differenze, ai bisogni reciproci.
    Vorremmo contrapporre a ciò che sono state la “democratizzazione” e la delegazione dei rapporti (e dunque la falsificazione degli stessi) l’autenticità e l’onestà intellettuale.
    Il primo passo, come giusto, spettava a noi…Attendiamo critiche, consigli, dibattiti e diverbi. Attendiamo di demolire il vecchio per costruire il nuovo.

    Distinti saluti

    Alcuni Anarchici e Libertari a Genova
    Per contatti: lasfrontata@anche.no

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: