Acqua bene (del) comune?

Fossimo ingenui ci stupiremmo nel sentire di una giunta comunale che, dopo essersi fatta portatrice della battaglia acqua bene comune, chiude i tubi che portano acqua ad una casa occupata.
Bando all’ingenuità, spazio alla resistenza. Visto il losco tentativo di togliere l’acqua alla casa occupata da domani fino a sabato colazioni resistenti dalle 8 alle 10 in via Don Monza 18, Saronno. Gli abitanti ci mettono litrate di the caldo con l’acqua che sono riusciti a riallacciare, chiunque voglia passi a portare supporto e qualcosa da mangiare insieme.
Seguiranno aggiornamenti, la loro legalità fa acqua da tutte le parti.
Qui di seguito il comunicato scritto dagli occupanti di via Don Monza.

La mattina del 12 novembre si presentano nelle circostanze della casa occupata di via Don Monza 18, alle 8.30 del mattino, sei operai di Saronno Servizi armati di ruspa, vanghe e martello pneumatico, con l’intento di toglierci la possibilità di usufruire dell’acqua; resici conto del loro insano proposito, ci siamo fiondati sulla strada per impedirgli di portare a termine il lavoro.

Per il momento siamo riusciti a ricollegarci al tubo dell’acqua, ma i solerti “responsabili” del “servizio” ci hanno garantito che ben presto sarebbero tornati, e questa volta perfino con l’ausilio delle forze dell’ordine, ad ultimare (finalmente!) la rimozione coatta dell’allaccio.

L’amministrazione comunale pensa ingenuamente di allontanarci in questo modo dallo stabile, riportandolo così al suo stato iniziale di abbandono e degrado, e allo stesso tempo impedendoci di poter vivere in alcun modo al suo interno.

Ci vengono in mente alcune elementari considerazioni su questa operazione: la prima è senza dubbio che questa amministrazione comunale, dopo essersi spesa in molteplici “campagne di sensibilizzazione” sull’acqua, intesa come bene comune e dunque diritto inalienabile, non trovi miglior sistema di mettere in pratica questo buon proposito che togliendoci del tutto la possibilità di usufruirne. Per l’ennesima volta si palesa il fatto che le loro parole servono solo a nascondere il generale vuoto di contenuti di ogni solita e becera campagna elettorale.

Inoltre ribadiamo che, al di là dei facili slogan, l’acqua appartiene veramente a tutti e quindi non è tollerabile che una qualsiasi autorità si arroghi il diritto di decidere chi sia meritorio o meno di servirsene.

Facciamola finita con la politica dell’ipocrisia e dell’assistenzialismo: riprendiamoci ciò che naturalmente ci apparteneva, prima che lorsignori pretendano pure che gli si paghi l’utenza dell’aria che respiriamo!

Assetati abitanti della casa occupata di via Don Monza 18

One Trackback to “Acqua bene (del) comune?”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: